fbpx
Largo Giacomo Matteotti, 32 - 54100 Massa (MS)
+39 0585 042143

Il Bus di Londra

London Bus

Uno dei simboli di Londra: il Bus! Di rosso laccato, alto due piani e dalle linee arrotondate, non riconoscerlo è praticamente impossibile. 

Dalla sua comparsa nell’estate del 1954, questo buffo bus a due piani è diventato uno dei simboli più riconosciuti e amati di Londra. Tant’è che il vecchio Routemaster, questo il nome dell’iconico bus londinese  è nel cuore di tutti i londinesi doc, e non solo!

Super fotografati, disegnati, pubblicizzati e riprodotti in tutto il mondo, questi grossi rossi mezzi su ruote, hanno una storia da raccontare. Vi siete mai chiesti perché a due piani? E perché rossi? Scopriamolo…

La storia dei trasporti a Londra

Il mitico Bus Rosso di Londra

Il servizio passeggeri londinese fa inaugurato nel 1829. All’inizio servizio era svolto da dei semplici veicoli trainati da cavalli. Per ospitare il maggior numero possibile di passeggeri, già a quei tempi, si iniziarono a realizzare i mezzi a due piani, il cosiddetto double-decker.

Dal 1859 il servizio passeggeri londinese era gestito dalla London General, che 1902 introdusse il primo autobus motorizzato. All’inizio equipaggiato con un motore a vapore, e in seguito sostituito dal modello X-type, dotato di motore a benzina.

Nel 1911 fu introdotto il modello successivo battezzato B-type. Il B-type era unbus a due piani, caratterizzato da un abitacolo e un posto guida chiusi. Aveva una piattaforma e scala aperte sul retro, anche il piano superiore era aperto e soggetto agli elementi atmosferici. É stato calcolato che nel 1913 circa 2.500 autobus B-type circolassero a Londra.

Nel 1954 arriviamo all’introduzione del celebre e diffusissimo Routemaster. Evoluzione del B-type il Routemaster divenne un vero emblema londinese. Ma continua a leggere per scoprire la sua storia.

Il Routemaster, l’iconico Bus di Londra

Bus Rosso di Londra

Nel 1956 la London Transport ha introdotto il rosso Bus di Londra, in servizio fino 9 dicembre 2005, poi mandati in pensione a parte due linee turistiche della zona centrale di Londra, la 9 e la 15. 

Con un progetto pionieristico, il Routemaster fu una vera e propria rivoluzione! La piattaforma aperta, se da una parte esponeva agli elementi permetteva di salire e scendere fuori dalle fermate e la presenza di un bigliettaio rendeva minimo il tempo di imbarco e ottimale la sicurezza.

Dal punto di vista progettuale il Routemaster era innovativo!  Per la sua realizzazione fu utilizzato l’alluminio e  adottate alcune tecniche di costruzione sviluppate dall’industria aeronautica durante la seconda guerra mondiale. Inoltre per la prima volta vennero utilizzate le sospensioni indipendenti sull’assale anteriore, servosterzo e un cambio completamente automatico e freni idraulici.

Purtroppo nel 2014 i Routmaster sono stati tolti dalla linea 9, che partiva dalla Royal Albert Hall per arrivare fino ad Aldwych e purtroppo ad aprile 2021 sono stati eliminati anche dalla linea 15, che partiva da Trafalgar Square per arrivare fino a Tower Hill.

La Transport for London (TFL) ha mandato in pensione i famosi Routemaster perché ritenuti inadeguati alla legge a favore dei disabili (Disability Discrimination Act); e per gli alti costi di gestione. 

Ma perché a Londra gli autobus sono a due piani e rossi?

Qualche curiosità sull’iconico Bus di Londra

I Bus di Londra sono a due piani per ottimizzare i costi! E qui vedi tutta la precisione e l’efficienza inglese.

La possibilità di far entrare più persone in un unico mezzo e con un solo autista era un modo per risparmiare sui costi di gestione del trasporto pubblico e soprattutto permetteva di avere in strada meno mezzi e poter fare comunque lo stesso numero di corse.

E il colore rosso? Deriva da una motivazione molto semplice.

Essendo il colore utilizzato anche per le cabine telefoniche e i box postali, rendeva i Bus facilmente riconoscibili anche con la pioggia o la tipica nebbia londinese.

country division della London Transport

E ora ti svelo un’altra curiosità suoi bus londinesi. 

Sono stati dipinti con un colore diverso dal rosso, per la precisione color argento e color oro in due occasioni. Sai quali? Durante i festeggiamenti del Giubileo della regina Elisabetta II. Rispettivamente il Silver Jubilee (Giubileo d’Argento) e il Golden Jubilee (Giubileo d’Oro).

Ma esistevano dei bus anche con la livrea verde! La country division della London Transport utilizzò i cosiddetti Green Routemaster, per collegare i sobborghi fuori Londra.

Ultima curiosità! Sai che potresti incontrare il bus londinesi anche da altre parti?

Da Londra, i double-deckersono stati esportati in tutte le colonie britanniche; non c’è più da stupirsi pertanto nel vedere i double-decker in India o in Sri Lanka ma anche in Australia, Canada e Nuova Zelanda, Giamaica e Hong-Kong.

Il Bus di Londra oggi

il Bus di Londra oggi

Il 3 settembre del 2007, il candidato a sindaco di Londra Boris Johnson annunciò che stava pensando di introdurre una versione moderna del Routemaster ed eliminare le operazioni con i bus. Promessa che mantenne.

Nel 2008 si è tenuta una formale competizione per lo sviluppo di una nuova generazione di Routemaster. Il risultato della competizione è stato pubblicato il 19 dicembre 2008.

Il nuovo bus è stato disegnato da Thomas Heatherwick e riprende molto dei vecchi bus londinesi, ad esempio la piattaforma posteriore aperta dalla quale scendere e salire in corsa. Effettivamente il nuovo bus ha riscontrato il favore della popolazione, molto legata ai vecchi Routemaster.

Sono stati soprannominati Borismaster, in omaggio al sindaco Boris Johonson, che ha voluto in questo modo conservare, in chiave moderna, uno simboli più conosciuti di Londra.

Concludendo

L’iconico Bus rosso di Londra, il double-decker Routemaster, è ormai andato in pensione definitivamente, ma potrai ancora vederlo! Se fai un viaggio a Londra organizzati per visitare il London Transport Museum.

Nel London Transport Museum sono custoditi svariati veicoli, tra i quali il nostro caro vecchio Bus rosso, grazie ai quali ti sarà possibile immergerti con l’immaginazione nella Londra di inizio Novecento.

Stay Tuned!

P.s.: Se pensi che l’articolo possa essere utile anche ai tuoi amici, condividi l’articolo sui Social

Vuoi rimanere aggiornato: 

Keep in Touch!!!

Related Posts

Rispondi

WhatsApp WhatsApp us