fbpx
Largo Giacomo Matteotti, 32 - 54100 Massa (MS)
+39 0585 042143

I 7 errori più comuni degli italiani in inglese

Che noi italiani con l’inglese ci litighiamo un po’ è risaputo! Proprio per questo, anche in inglese, spesso ci lasciamo sorprendere da regole grammaticali basilari o dai false friends.

Fare errori non è la fine del mondo, soprattutto quando si parla una lingua che non è la propria. Quali sono gli errori più comuni che facciamo noi italiani in inglese? Ecco una lista dei 7 “nemici” di un italiano che tenta di parlare un buon inglese!

1) People is o People are?

“People” è singolare? È l‘equivalente dell’italiano “gente”? Cosa devi utilizzare? Il singolare “is” o il plurale “are”? 

“People” è il plurale di “person” (persona), perciò richiede sempre il verbo al plurale.

Example: People are always happy when Friday comes. (La gente è sempre felice quando arriva venerdì.)

2) Un po’ di…

Traducendo direttamente l’espressione italiana “un po’ di”, il risultato più naturale sarebbe “a little of”. Ma è corretto?

No! “A little of” in inglese è sbagliatissimo! In inglese devi utilizzare “some”. 

Example: She wants some water. (Lei vuole un po’ d’acqua.)

3) It’s & Its

Questo è un errore che noi italiani facciamo spesso.

  • “It’s” è la forma contratta di “It is”
  • “its” è il pronome possessivo di “it”

“It’s” è la forma contratta della terza persona singolare neutra (animali o oggetti), e corrisponde al nostro verbo “è”. 

Example: It’s a beautiful day! (È una bellissima giornata) 

Nel secondo caso si utilizza “its” per dire che qualcosa appartiene al soggetto neutro.

Example: A car is not good without its wheels. (Un’auto non va bene senza le sue ruote.)

Non perderti le novità

Non inviamo spam! Puoi saperne di più leggendo la nostra Informativa sulla privacy

4) After o Later?

Altro errore comunissimo, che proviene dal tentativo di utilizzare, in inglese, la traduzione di espressioni italiane. 

In inglese “after” indica la successione in una sequenza o in una linea temporale, ma non significa “più tardi”.

Example: Let’s go for a swim after lunch. (Andiamo a fare una nuotata dopo pranzo.)

Se devi tradurre “più tardi” devi utilizzare “later”.

Esempio: He will be back later. (Tornerà più tardi.)

5) La “S” alla terza persona

Quello della “S” alla terza persona è infatti una delle regole più facili da memorizzare, ma tra le più difficili da mettere in pratica. Specialmente durante la conversazione. 

Ricorda la S si utilizza:

  • solo alla terza persona singolare (he, she, it)
  • solo al presente
  • solo in una frase affermativa
  • solo in assenza di verbi ausiliari (do, can, may, will)

6) Make o Do?

Potresti pensare che questi due verbi siano sinonimi, ma non è così! In italiano, nella maggioranza dei casi, si usa la parola fare per tradurre sia “make” che “do”, ecco la fonte del problema.

“Do” è utilizzato per descrivere delle azioni che vengono svolte.

Example: I am doing my job. (Sto facendo il mio lavoro)

“Make” indica l’atto di creare o generare qualcosa

Example: She is making a cake (Sta preparando una torta)

7) La doppia negazione

E per concludere, ti ho lasciato quella che probabilmente è una delle regole più innaturali per noi italiani! Noi italiani siamo abituati alla doppia negazione, “non ho fatto niente”, o “non c’è nessuno qui”.

Nella lingua inglese se la frase ha un’intenzione negativa, il pronome da utilizzare sarà affermativo!

Example:

  • She does not buy anything 
  • He never goes out after dark. 
  • They do not love anybody

Concludendo

Questi sono 7 degli errori più comuni che facciamo noi italiani quando parliamo in inglese. E tu, ti riconosci in questa lista? Hai mai commesso uno o più di questi errori? 

Ad ogni modo non fartene un cruccio, Winston Churchill una volta disse: “Il successo è l’abilità di passare da un fallimento all’altro senza perdere il tuo entusiasmo”. Parlando una lingua si sbaglia, l’importante è non perdere il tuo entusiasmo per un errore ma andare avanti.

Intanto, se vuoi, puoi testare il tuo inglese con i nostri test gratuiti:

Stay Tuned!

Ti è piaciuto? Condividilo 🙂

Quest’articolo ti è stato utile? Ti ha dato buoni consigli? Allora un buon modo per farcelo sapere è condividerlo sui tuoi social preferiti. Magari tagga HS School, così passiamo a salutare. Fallo ora. 🙂

Vuoi rimanere aggiornato? 🙂

Keep in Touch!!! 🙂

8 Luglio 2021
|

Rispondi

WhatsApp WhatsApp us